Pastore ADI denuncia componente della comunità e vince la causa. VERGOGNA!

ADI-Assemblee-di-Dio-in-italia

Gragnano – Fedele condannato a due mesi di reclusione e ad una multa per disturbo della messa
Ad essere condannato è un componente della comunità evangelica del Parco Imperiale
di Simone Rocco

E’ stato condannato a due mesi di reclusione e al pagamento di 500 euro per disturbo della messa. Accade a Matinella, una frazione di Albanella, ma il protagonista è un componente della comunità evangelica del Parco Imperiale, S.R., stabiese di 51 anni. Dopo aver per anni insultato i pastori della sua comunità e per questo essere stato espulso, ha agito in trasferta, disturbando il culto di colui, che in parte, ne aveva provocato l’espulsione. La storia affonda le radici nella dottrina che maggiormente distingue i cristiani evangelici dai cattolici: l’insistenza con cui si afferma che ognuno deve conoscere Dio in modo personale. Dottrina presa, forse, troppo alla lettera da S. R. se è vero che per anni, insieme con altri quattro-cinque fedeli, ha turbato l’omelia dei vari pastori che si sono alternati nella sua comunità urlandogli contro “Tu non sei un uomo di Dio, sei un pazzo, un bugiardo”. Chi lo conosce, ha avanzato l’ipotesi che dietro alle sue intemperanze altro non si nasconda che un desiderio morboso di diventare lui stesso pastore. I pastori del rito evangelico sono infatti elettivi, è la
comunità che è chiamata a esprimere il gradimento. È probabile che S.R. non abbia gradito la
decisione dell’Adi (l’Assemblea di Dio in Italia) di mandare a Gragnano un pastore da fuori, Renato Mottola, di Matinella, chiamato proprio per tenere testa ai fuori programma dell’uomo. Una permanenza durata solo qualche mese nella comunità gragnanese quella di Mottola, a cui ha fatto seguito però, l’espulsione dell’irrequieto fedele, con conseguenze imprevedibili. Il 13 maggio del 2007 Renato Mottola è stato infatti aggredito da S.R. nella sua comunità ebolitana con i soliti improperi. Questa volta la storia ha preso però un’altra piega. Renato Mottola, appoggiato dall’avvocato Gianluca Iaione e dalla testimonianza della maggior parte dei componenti le comunità del Parco Imperiale e di Matinella ha deciso di denunciare l’uomo. Il processo è stato celebrato davanti al tribunale di Salerno. Dopo tre anni è arrivata anche la sentenza del giudice monocratico Roberto D’Auria, che il caso ha voluto fosse stabiese, anche lui come l’imputato. S. R. è stato condannato per il reato di diffamazione alla pena di due mesi di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali.

http://www.stabiachannel.it/news/index.asp?idnews=13854

Notizia apparsa anche qua:

http://blog.libero.it/STABIA/commenti.php?msgid=8576755&id=104694

—————–

GIUDICATE VOI, FRATELLI, DA PERSONE INTELLIGENTI, L’OPERATO DI QUESTO PASTORE TENENDO DINNANZI A VOI QUESTE PAROLE DI PAOLO:

Ardisce alcun di voi, quando ha una lite con un altro, chiamarlo in giudizio dinanzi agli ingiusti anziché dinanzi ai santi?
Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicar delle cose minime?
Non sapete voi che giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare delle cose di questa vita!
Quando dunque avete da giudicar di cose di questa vita, costituitene giudici quelli che sono i meno stimati nella chiesa.
Io dico questo per farvi vergogna. Così non v’è egli tra voi neppure un savio che sia capace di pronunziare un giudizio fra un fratello e l’altro?
Ma il fratello processa il fratello, e lo fa dinanzi agl’infedeli.
Certo è già in ogni modo un vostro difetto l’aver fra voi dei processi. Perché non patite piuttosto qualche torto? Perché non patite piuttosto qualche danno?
Invece, siete voi che fate torto e danno; e ciò a dei fratelli.
Non sapete voi che gli ingiusti non erederanno il regno di Dio?

1 Corinzi 6:1-9

Giacinto Butindaro

Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2010/05/14/pastore-adi-denuncia-componente-della-comunita-e-vince-la-causa-vergogna/

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia (ADI), Comportamenti Disordinati, Pastori o predicatori, Renato Mottola e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.